Halloween, Samahin: lasciateci divertire.

È ora di mettere ordine anche nelle celebrazioni di Halloween. Allora la cosa ha funzionato così: come per molte altre feste  pagane la Chiesa ha deciso di appropriarsi della celebrazione celtica della veglia del Samahin. In quel giorno i Druidi celti infatti passavano casa per casa  a ricevere le offerte per la chiusura del periodo

Read More

QUANDO MI SONO RITIRATO DAI CAMPI DI BASEBALL

  IO: hanno perso LEI: chi? l’arsenal? IO: no Sofia, mia figlia con Orsetta e le sue girls della pallavolo LEI: uff hanno rigiocato? IO: sì… hanno perso 3 a 0 sono delle schiappe (a me fa piacere) LEI: perché ti fa piacere? IO: perché così impara a perdere… LEI: ah ok.. IO: t’ho mai

Read More

SAN VALENTINO: mettiamo le cose nella giusta prospettiva.

San Valentino, al secolo Valentino da Interamna, è venerato come santo da tutte le chiese che ammettono il culto dei santi, quella cattolica, quella ortodossa e in sovrapprezzo pure quella anglicana, per quello che conta. Diciamo che appare un tantinello paradossale che sia diventato il patrono di una ciurma di fornicatori spendaccioni senza un minimo

Read More

Avvocati: SPAM”R”US – Il Thread del secolo!

keywords: spam, disguido, errore, sollecitato, aiuto!!!, provvedete, apocalisse, gabibbo, ridere Ci vorrebbe una proposta di legge per bloccare le mailing-list! Sì. Ci vorrebbe proprio. Ed in effetti in Italia, tra la proposta della Carlucci, quella di un D’Alia e un Barbareschi, manca solo questo. È quello che devono aver pensato gli avvocati che frequentavano la

Read More

[BP21k] La lezione dell’arte applicata: “Muoia Baudelaire…”

Si identifica comunemente un “oggetto artistico” con qualcosa la cui realizzazione, astratta da un valore pratico, è guidata da un proposito estetico ed è valutata per la propria bellezza intesa come risultato di soddisfacimento mentale o per la sua capacità di comunicare emozione, principalmente attraverso una economia espressiva. L’artista moderno ha imparato a fare i

Read More

[BP21k] La lezione dell’arte applicata: Programs, Arts and Crafts

La Grande Esposizione del 1851 presso il Crystal Palace di Londra rappresenta un punto di svolta epocale sia per il mondo artistico che per la nascente industria. L’esibizione rende popolare l’oggettistica e l’arredamento per interni realizzato per la prima volta con metodologie industriali di massa. La condizione materiale di vita dell’uomo nella società industriale è però spaventosa, come ci raccontano gli affreschi ironici e graffianti di Charles Dickens. Dieci anni dopo, la reazione netta del movimento “Arts and Crafts” contro la meccanizzazione dei processi produttivi che rendono l’uomo ruota dentata dell’ingranaggio produttivo. Compito alienante aggiunto alla miseria umana e morale della persona. Compromissione sostanziale e definitiva della dignità dell’essere umano.

Read More

[BP21k] Garbage Collection – Note sull’estetica della Programmazione (Bauhaus Programming)

La “qualità del software”, definita nei voluminosi standard ingegneristici dell’ISO (ad es. ISO 9126), ha un insieme vasto di proprietà che vanno dalle caratteristiche operazionali di efficienza e funzionalità, ma anche di affidabilità e di usabilità, a quelle di gestione successiva del progetto come, appunto, la manutenibilità e la portabilità. Gran parte del lavoro di

Read More

[BP21k] Bauhaus Programming 2100 e le radici artistiche della programmazione come arte figurativa

La programmazione è diretta discendente delle arti figurative delle avanguardie artistiche del Novecento. Un percorso che, come vedremo, assorbe le lezioni estetiche di tutti i principali movimenti artistici, dall’impressionismo all’espressionismo, dal dadaismo al surrealismo, dal cubismo al futurismo e all’astrattismo, che ne diventano allo stesso tempo riferimenti ancestrali e obbiettivi onirici produttivi.

Read More

E su! Storia (condominiale) d’una fiammata

Al condominio del Parapagal s’affaccia la società civile. È un po’ civetta, come una donna bella e oca, pavoneggia la propria vanità in cerca del pollo che la lusinghi di quei complimenti vuoti e vaghi che nel far contenta la pollastra rischiano di raschiar un po’ di carne dopo tanto brodo. Ma dacché la società

Read More

1 2